mercoledì 29 giugno 2016

IL MONDO SPECULARE

Supponiamo che abbiate individuato il vostro fine e abbiate cominciato a lavorare sistematicamente con la diapositiva del fine. Siete già al corrente del fat- to che i risultati non possono arrivare immediatamente, ma la ragione è comunque impaziente, comincia a scalpitare perché il tempo passa ma non succede nulla o succede quello che non ci si aspettava. In questi momenti, quando i dub- bi invadono progressivamente tutti i pensieri, bi- sogna attivare la propria consapevolezza. Non bisogna dimenticare la regola: “Se ti volti a guardare indietro diventi di pietra”.

L’attenzione dev’essere concentrata sul traguardo finale, sul fine ultimo come se fosse già stato raggiunto. Il mondo si muove incontro a voi per tutto il tempo in cui siete concentrati sull’im- magine. Ma basterà che vi giriate un attimo per vedere il riflesso nello specchio, dove sta succedendo Dio solo sa cosa (o non sta succedendo alcunché) perché il mondo si arresti im- mediatamente e voi vi ritroviate a rinnovare ancora una volta la vostra estenuante e inutile corsa intorno al circolo speculare.

Dovete ricordare sempre alla vostra ragione che lo specchio reagisce in ritardo e necessita di una determinata pausa per for- mare il riflesso, cioè per tradurre l’immagine in realtà. Durante questa pausa bisogna sforzarsi di restare fermi sulla propria po- sizione, credere nel successo anche in condizioni in cui sem- bra che tutto stia andando all’inferno. Quanto maggiore sarà la resistenza che riuscite a opporre alla depressione, tanto più forte sarà il risultato che otterrete. Questa è la vera magia, una magia priva di attributi magici, ma forte di un potere reale.

Girarsi per guardare lo specchio, cioè esprimere il proprio rapporto nei confronti di ciò che sta accadendo, deve servire solo e unicamente per osservare i cambiamenti positivi e per- mettersi di gustare una sensazione di piacevole sorpresa. In altre parole, quello che bisogna fare è tenere gli occhi ben aperti su tutto ciò che è indizio di movimento del mondo in direzione del fine, e tenerli ben chiusi su tutti i fe- nomeni negativi paralleli (e inevitabili). Se riuscite a trattenervi e “a non girarvi”, i risultati, di solito, superano ogni aspettativa.

VZ
La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento