venerdì 26 agosto 2016

“L’affermazione, unita alla rappresentazione,

“Cristo ha lasciato anche questo messaggio: «Chiedete e vi sarà dato». A mio parere sono parole davvero meravigliose, il cui significato è: nel momento della preghiera ciò che viene richiesto si realizza. L’oggetto delle nostre preghiere diventa realtà nell’istante stesso in cui lo chiediamo.

Queste preghiere e queste richieste non vengono esaudite per intervento divino, ma perché l’uomo ne invoca insistentemente la realizzazione.”

“Affinché questo avvenga è indispensabile immaginarsi la scena al passato, come se la cosa fosse già accaduta, constatando e confermando che il desiderio è già stato esaudito. Grazie a questa presa di coscienza si emana un forte impulso che consente la realizzazione della richiesta sul piano dei quark. Continuando a concentrarsi mentalmente sulla cosa desiderata è come se si convogliasse con una lente l’energia inesauribile dell’universo, in tal modo la realizzazione del desiderio si manifesta anche nel mondo materiale tridimensionale.

Per guarire da una malattia grave non bisogna chiedere: «Ti prego di farmi guarire» o «Possa guarire da questa malattia»; per avere successo non ha senso dire: «Che possa aver successo» o «Ti prego, fammi avere successo». La chiave consiste nel constatare: «Sono guarito» o «Ho successo». L’affermazione, unita alla rappresentazione, è molto più forte di una semplice richiesta o preghiera. Mediante questa combinazione la probabilità che le cose si realizzino aumenta sensibilmente.”




Passi di: Nobuo Shioya. “La fonte dell’eterna giovinezza”. iBooks.



La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento