venerdì 30 settembre 2016

VADEMECUM DEL TRANSUFER (parte 2)

La causa della tensione fisica è la tensione psichica...

Se non è possibile eliminare l'importanza, allora almeno non conviene perdere forze nel tentativo di rilassarsi. In questo modo spendereste energia non solo per tenere sotto controllo una situazione d'importanza, ma anche per contenervi... Piuttosto lasciatevi andare alla vostra emozione e stressatevi a volontà.

Senza fretta ma velocemente passo uno sguardo interiore lungo tutto il mio corpo e sciolgo le tensioni.
Cerco di cogliere immediatamente tutta la superficie del mio corpo come un unico insieme... Posso immaginare quello che voglio: che la pelle si riscaldi o che s'informicoli, o che venga scossa da delle cariche energetiche.
E adesso provo a sentire l'energia che si espande per tutta la superficie del corpo, come le striature iridescenti su una bolla di sapone.
In questo momento sono in equilibrio con l'Universo.
Non devo sforzarmi di raggiungere sensazioni particolari. Ognuno sente a modo proprio.

"A cosa anela la mia Anima? Cosa trasformerà la mia vita in una festa?"

Non deve essere la ragione a fare la ricerca del fine, perché non ne è in grado, solo l'Anima sa cosa la fa vibrare veramente...
La ragione ha giusto il compito di filtrare tutti gli elementi che si presentano per metterli al vaglio dell'Anima e prestare attenzione al suo livello di benessere... Prima o poi arriverà qualcosa che farà letteralmente vibrare il vostro cuore e saprete che lì c'è il fine che cercavate!
Non appena vi "permetterete di avere", l'intenzione esterna manifesterà la variante giusta per voi.

Se dopo un contatto con una persona provo un senso di oppressione, svuotamento, debolezza o tremore, significa che "mi hanno usato". Un forte involucro energetico può servire da valida difesa contro le invasioni... Sono comunque i pendoli che assorbono la stragrande maggioranza dell'energia libera delle persone.
L’energia libera sarà presente in quantità sufficienti quando i canali energetici non si sono ristretti. I canali si restringono per due motivi: il corpo è pieno di scorie (intossicazione dell'organismo) o per azione continua dello stress.
Se i canali energetici sono sufficientemente larghi, l'energia c'è, se sono stretti, invece, non passa... Per questo un alto potenziale energetico è dato innanzitutto da canali larghi.

Attirando e facendo fluire dentro di me l'energia libera, ne dono anche agli altri

Per aumentare l'energia dell'intenzione posso darmi questa direttiva: i miei canali si allargano e l'energia dell'intenzione cresce...
Visualizzo questo processo al fine di constatare il fatto che: oggi è meglio di ieri, domani sarà meglio di oggi.

ATTIVANDO le FONTANE ENERGETICHE, ripeto nella mente l'affermazione che "l'energia dell'intenzione cresce di giorno in giorno"

L'energia libera è modulata dai pensieri.

E' utile immaginare un doppio flusso energetico nel nostro canale assiale centrale e ad immaginare che il flusso ascendente - originario dalla terra - emerga dalla sommità della testa come una fontana e che il flusso discendente - originario dal cielo - fuoriesca a fontana da sotto i piedi. Entrambi gli zampilli poi si dovrebbero unire a formare una sfera energetica protettiva.

L'intenzione interna non è impegno ma concentrazione sul processo
Concentro l’attenzione su quello che INTENDO ottenere
Qualsivoglia deviazione dallo scenario la percepisco come un successo
adopero l'intenzione consapevolmente e deliberatamente

SONO CONSAPEVOLE DELLA REALTA' COME in UN SOGNO LUCIDO dove sono davvero capace di controllare la situazione...

la mia intenzione è CHIARA, PURA e PRECISA

Che cos'è che muove gli uomini? L'intenzione interna. E allora usate la loro intenzione, invece di utilizzare la vostra.
Rinunciate alle vostre posizioni e permettete all'intenzione esterna di attivare il meccanismo dell'intenzione interna degli altri. Sfruttate l'intenzione interna degli altri per il raggiungimento dei vostri fini... Alla base dell'intenzione interna di ogni essere umano c'è il senso del suo valore personale.
Bisogna permettere agli altri di realizzare la loro intenzione interna. In questo modo si metterà in azione l'intenzione esterna e la vostra intenzione interna si realizzerà.

Apprezzo la capacità di ridere di me stesso e degli altri senza cattiveria e senza offesa
Prima di cercare una soluzione al problema mi ricordo di diminuire il grado della sua importanza; Solo così le forze equilibratrici non interverranno e il problema si risolverà in maniera semplice e rapida

Se vi prefiggete appositamente il fine di comportarvi in modo disinvolto, non ci riuscirete.
La disinvoltura si può ottenere solo dopo aver eliminato l'importanza.

Prendo coscienza del fatto che siamo tutti sognatori e tutto ciò che succede intorno non è altro che un sogno collettivo; Ora questo sogno non ha più potere su di me, io sono SVEGLIO dentro il sogno e quindi sono CAPACE di influenzare lo sviluppo degli eventi adoperando la mia CONSAPEVOLEZZA

La mia scelta si manifesta sempre. Quello che scelgo, l'otterrò... 

Smettetela di giocare al gioco dell'aumento del vostro valore personale. Giocate al gioco dell'aumento del valore degli altri. Interessatevi a loro, ascoltateli, osservate. Non occorre cercare d'ingraziarsi gli altri, basterà semplicemente muoversi secondo la corrente.

Posso regolare "liberamente" la soglia e il livello della mia felicità

Per attirare l'attenzione su di sé basterà manifestare interesse verso gli altri... in questo caso la vostra intenzione interna si trasformerà in intenzione esterna, giacché essa agisce in modo assolutamente incomprensibile.

Interessandovi alle persone fatelo con sincerità... cercando di dare al vostro interlocutore la possibilità di manifestarsi lui stesso interessante.

La ricetta migliore per affrontare le situazioni è: spontaneità, improvvisazione e serenità
La preparazione dovrà esserci solo in qualità di copertura di sicurezza. Per nessun motivo ci si dovrà "preparare seriamente e minuziosamente", poiché un tale atteggiamento non farà che aumentare l'importanza. Allo stesso modo la rafforza l'agitazione inattiva.

Non posso cambiare scenario, però sposso sceglierne un altro, che contenga la variante e il settore ottimale per me

Allineo l'emissione mentale con le Linee della Vita Ottimali

Scelgo di stare in un ambiente il cui scenario mi possa essere di giovamento

La Realtà ha un'infinita varietà di forme di manifestazione

Mi sintonizzo sulla frequenza dell'onda della fortuna

Proietto in testa gli scenari più congeniali

ALLARGO la mia SFERA ENERGETICA e la sciolgo nello spazio circostante, ricordando comunque che ne sono una parte distinta. Allora, anche muovendo solo il mignolo dell' INTENZIONE ESTERNA, io riesco in breve tempo a fare quello che con la forza dell’intenzione interna non raggiungerò MAI.

La tensione muscolare ostacola il normale funzionamento dei flussi invisibili e causa interferenza nell'emissione del campo bioenergetico dell'uomo.

Una persona che si trova in uno stato di tensione interiore è come se emanasse un'energia negativa che resta sospesa nell'aria... La sua tensione crea una irregolarità nel campo collettivo e genera l'intervento delle forze equilibratrici. Tali tensioni si sono radicate così profondamente nelle nostre abitudini che semplicemente non ci facciamo più caso.

Non cercate di trasformarvi in un grumo di energia, ma immaginatevi come una goccia nell'oceano

Mantengo la Coordinazione dell'intenzione : L'intenzione interna è la risolutezza ad agire. L'intenzione esterna è la risolutezza ad avere

Assecondando la corrente delle varianti, non creo vortici superflui e al tempo stesso non sarò in balia delle onde

... il miracolo si compirà solo nel caso in cui forzerò lo stereotipo comune e penserò non ai mezzi di raggiungimento ma al fine stesso.
Allora ciò che prima sembrava non reale si paleserà d'un tratto da un altro punto di vista... Mi sono semplicemente sintonizzato sulla frequenza della linea finale. Ho acquisito la risolutezza ad avere e l'intenzione esterna mi ha trasportato su questa linea della vita. E lì compaiono nuove possibilità, si aprono nuove porte della cui esistenza non potevo nemmeno sospettare mentre mi trovavo sulla precedente linea.

Risulta che... il mio fine si realizzi da solo

Permettersi di avere è la condizione principale per realizzare i propri desideri. E' indispensabile abituarsi all'idea che il proprio fine verrà raggiunto, perché è logico e normale che accada, rientrando perfettamente nell'ordine delle cose

La visualizzazione dell'anello attuale della catena di transfer va al passo con quello che sto facendo adesso e solo di un passo avanti.

Convincendomi dell'esito felice del caso, resto in equilibrio.

Allento la presa, non penso ai problemi che ancora non sono arrivati e continuo soltanto a muovervi tranquillamente lungo la corrente delle varianti.
Non ha senso anticipare ansie future, E' meglio godersi il momento presente e avanzare in modo imperturbabile ma irreprensibile.


Rinuncio a ogni preparativo per l'incontro con il "mistero". Ogni tipo di preparazione all'ispirazione, qualsiasi forma essa assuma, comporta la creazione di un potenziale superfluo. Se Mi preparo, significa che voglio attirare a me ciò che non ho. Tanto più dettagliato sarà il rito preparatorio tanto peggiore sarà il risultato.

Il successo è mentalmente rappresentato non come una nuvola sospesa in aria ma come una scala, dove ogni gradino sorregge il sovrastante. Ogni giorno reca in sé una particella del futuro successo. Non preoccupatevi del futuro, vivete nel presente.

Non esiste alcun prestigio, alcuna inaccessibilità e alcuna necessità... Tutto si trova nell'ordine in cui deve essere e io non devo far altro che scegliere lo scenario ottimale

Sono sempre pronto a correggere con movimenti armoniosi la mia direzione.

Non penso ai mezzi ma al fine e al mio stato di benessere ... resto in attesa del momento in cui l'intenzione esterna aprirà la mia porta

Senti il potere che scorre nelle tue vene sottili, e finalmente ottieni il consenso degli altri, il consenso del mondo che comincia li’ proprio dove cominci ad allinearti con te stesso.

Una visualizzazione benefica estingue morbidamente un pendolo-persona

A estinguere un pendolo aiuta anche il senso dell'umorismo e l'immaginazione. Provate a mutare la vostra irritazione in gioco

Alimento sempre dentro di me il focherello della festa, cullo questa bella sensazione, osservo come la vita cambia per il meglio, mi afferro a ogni pagliuzza di gioia, cerco in tutto segni positivi
Per mezzo dell'intenzione Purificata, ovvero della mia ferma risolutezza ad avere e ad agire, Scelgo la mia Fortuna

La gratitudine sincera è un'emissione di energia creativa

L'intenzione non crea potenziali superflui perché l'energia del potenziale del desiderio si spende in azione
Riflettendo sulla difficoltà del problema non faccio che creare un potenziale superfluo e cedere energia al pendolo di turno. Agendo, invece, realizzo l'energia dell'intenzione.
L'attesa, l'agitazione, le perplessità e i desideri tolgono solo energia.

L'intenzione esterna è la concentrazione dell'attenzione su come il fine si è realizzato da solo.

il fruscio delle stelle del mattino è la voce dell'anima.

Non mi fisso una scadenza, non mi serro in barriere temporali ed evito di trasformare la ricerca del fine in obbligo.
Tengo semplicemente nei vostri pensieri quest'orientamento: sto cercando ciò che trasformerà la mia vita in una festa. Faccio in modo che questa impostazione sia sempre presente come regime di fondo.

Si dà il caso che io mi trovi sulla linea della vita ottimale

Sono consapevole di possedere un assortimento di parametri unici e irripetibili, la "freile" (o frequenza caratteristica dell'anima)
La freile si manifesta in forma di hobby, di passione, di tutto quello che si fa volentieri e con amore...
Il Sacro Graal si trova dentro di me: è la "freile" della mia anima.

... Se una persona è soddisfatta di sé, si ama, si gode la vita, fa le cose che le piacciono, essa irradia una luce interiore. Ciò significa che la ragione si è sintonizzata sulla freile dell'anima.
L'anima si sente a suo agio quando la ragione non la soffoca dentro il suo guscio ma al contrario la vezzeggia come una rosa nella serra, l'ammira, la cura premurosamente e permette ad ogni suo petalo di aprirsi liberamente. E' quella rara occasione che si è soliti chiamare felicità.


Mi Libero dal senso di disappunto e ostilità.

In tutte le situazioni e in ogni momento si possono scoprire aspetti positivi e motivi di piccola gioia...

La prudenza e una visione lucida e assennata della realtà non guastano mai... L'importante è che l'accortezza non degeneri in agitazione e apprensione.

Sono consapevole che la tendenza maniacale della ragione a tenere tutto sotto controllo trasforma la vita in una lotta incessante contro la corrente... Questa è una delle cause principali dell'insorgere dei problemi e delle avversità

Provo ad allentare la presa del mio controllo e a lascio più libertà alla corrente...
Sposto il mio centro di gravità dal controllo all'osservazione... Rinunciando al controllo, otterrò un controllo sulla situazione maggiore di quello che avevo prima

Do' alla situazione la possibilità di risolversi senza il mio attivo intervento, la mia partecipazione o la mia reazione
L'unico controllo a cui vale la pensa prestare attenzione è il livello dell'importanza interna ed esterna... poiché sono loro ad impedire alla ragione di allentare la situazione
Mi Addestrato a prestare attenzione al benessere dell'anima

Il flusso nella corrente delle varianti contiene già la soluzione di tutti i problemi

Filtro ogni tipo d'informazione che ricevo attraverso la domanda: cosa sento a questo proposito, mi piace o no?

A livello energetico tutti gli oggetti hanno un valore uguale. Sono io ad attribuire loro determinate qualità: bello-brutto, allegro-triste, attraente-repellente, buono-cattivo, semplice-complesso, eccetera

Mi lascio andare e mi perdono tutti i difetti che ho

Nell'arco del giorno Presto attenzione ai presentimenti intuitivi dell'anima.

La ragione di tanto in tanto si stanca della sua attività di controllo e dei suoi incessanti discorsi e per qualche istante perde la vigilanza. Colgo questo momento per inserire intenzionalmente le sensazioni che voglio indurre rispetto a un determinato evento. Proprio le sensazioni, non le formule verbali. Provo a immaginare: cosa sentirei se si realizzasse ciò a cui ho pensato?


La vita è una festa leggera... basta che io me lo permetta ... in modo tranquillo e senza insistenza mi prendete quello che mi spetta, ciò che è mio

La felicità arriva durante il movimento verso il proprio fine attraverso la propria porta

.... se una persona si trova sulla SUA linea della vita, sul suo cammino, si sente felice già ora, anche se il fine è ancora avanti. Così la vita si trasforma in una festa. Quando poi il fine verrà raggiunto, la gioia raddoppierà.
Al contrario, il movimento verso un fine altrui confina sempre la festa in un futuro illusorio. Il raggiungimento di un fine altrui produce delusione e svuotamento

... L'importante è che il movimento verso la mia porta non mi svuoti ma, al contrario, mi riempia di forze...

Quasi tutti i problemi, specialmente quelli semplici, si risolvono da soli se non ostacolo la corrente delle varianti
La consapevolezza e la chiara comprensione mi consentono di leggere i dati contenuti nel campo d'informazione universale.

Tramite i presentimenti, le intuizioni, la capacità immaginativa della mia Anima posso Accedere direttamente al campo d'informazioni contenuto nello spazio delle varianti

Viaggio Consapevolmente nello Spazio delle Varianti, illuminando con la Coscienza i settori ottimali

Quando la ragione sonnecchia, l'anima sa come rivolgersi direttamente al campo d'informazione.

Se sono costretto a convincermi e a persuadermi di dire "sì", significa che l'anima dice "no"... Quando l'anima dice "sì" non ho alcun bisogno di autoconvincermi


Allento la situazione, rendendomi non partecipante ma osservatore esterno, non schiavo né padrone, ma semplicemente esecutore... Cedo a questa semplicità

Ogniqualvolta qualcosa o qualcuno mi distrae o mi fa deviare dal mio cammino, non mi affretto a opporre attiva resistenza o a scansare il colpo, bensì Permetto alla situazione di svolgersi da sola nel modo più semplice possibile

Faccio attenzione ai segni conduttori (segni premonitori o sincronicità) che indicano una possibile svolta nella corrente delle varianti

Proietto più volte in testa la diapositiva del mio fine e ne estraggo un quadro, un calco integrale, un "frame". Per. es, immaginandomi mentre mi sento soddisfatto; oppure dopo che ho passato con successo un esame e il docente mi stringe la mano.
Questo calco sarà la formula che dovrò inserire nella finestra che si apre quando la ragione sonnecchia. Il "frame" può essere intitolato con un'unica parola o l'espressione "Vittoria", "Ce l'ho fatta!", "Sono riuscito!", o come più mi piace. Questo titolo sarà il punto di appoggio del frame.
Se imparerò a cogliere il momento in cui la finestra è aperta (ad es. quando la ragione molla la presa), le illuminazioni intuitive mi visiteranno sempre più spesso.

Ottengo ciò che scelgo

Se si riduce l'importanza, gli ostacoli si eliminano da soli.
Se l'ostacolo non si lascia smuovere, non occorre affrontarlo ma semplicemente aggirarlo

La cosa più importante non è quello che faccio ma quello a cui penso

Permettetevi il lusso di fare errori e di agire anche male... Il potenziale verrà disperso nel processo del movimento, l'energia dell'intenzione si libererà e alla fine tutto vi riuscirà bene

Tutto si fa in modo più semplice di quel che sembra.
L'importanza esterna e interna allontana la ragione dal flusso ottimale...

Ponetevi la domanda: Come conciliare quello che voglio io con quello che serve a un'altra persona?
Cercate di capire a cosa aspira, che cosa le manca, di cosa ha bisogno, cosa la muove e cosa le interessa...
Visualizzatela tappa corrente

Seguire il flusso della vita, anziché cercare di imporsi su di esso pretendendo di cambiarne il corso, consente di farselo "alleato"

Siate sempre voi stessi, NON TRADITE voi stessi, in NESSUNA circostanza, vivete secondo il vostro CREDO (Ragione) e il vostro CUORE (Anima)

Sono in grado di spostarmi a mio piacimento da una linea della vita all'altra

Questo fatto (desiderio/obiettivo/fine) è già concluso come espressione della mia Pura Intenzione

Prendo tranquillamente atto che sarà così, come da me stabilito

Tanto più vicine sono le aspirazioni dell'anima e della ragione, tanto più pura sarà la modulazione.Non è un caso che tutte le personalità forti producano una impressione di pienezza e integrità interiore.

Con i pensieri e le azioni creo il mio strato del mondo e poi ci vivo dentro

L'attrazione , il fascino è dovuto all'amore reciproco dell'anima e della ragione.


il mondo mi viene incontro, mi dà quello che voglio, mi accoglie a braccia aperte,

Realizzo la mia scelta

Cesso le battaglie
Osservo sempre i segni che mi manda il mondo circostante, senza ambire di vedere segni in ogni cosa
L'unico segno a cui attribuire particolare attenzione è lo stato di benessere dell'anima al momento di prendere una decisione

"MOLLARE LA PRESA" significa permettere alla situazione di risolversi da sola senza l'intervento attivo e forzato della ragione... accettando nel proprio scenario anche l'evento imprevisto

Cambiando il mio modo di rapportarmi al mondo, cioè le mie forme-pensiero, passo su un'altra linea della vita, contenente altre varianti di sviluppo degli eventi

Immagino di aver già raggiunto il mio fine e di essermi lasciato tutto alle spalle

L'algoritmo della felicità non è noto a nessuno, eccetto alla mia anima

Noto le Sfumature e Vedo nuovi Scenari

Se non ci si inoltra nei meandri del problema e non si ostacola la corrente delle varianti, la soluzione arriva da sola, e per di più quella ottimale

L'anima tende al fine mentre la ragione si preoccupa dei mezzi

Se in qualche punto avete fatto uno sbaglio e siete in attesa di una giusta accusa, non preparatevi alla difesa. Riconoscete semplicemente il vostro errore in anticipo.

Occorre allentare la presa, abbassare il controllo, non ostacolare la corrente, dare più libertà al mondo circostante...
Far pressione sul mondo non solo è inutile, ma è addirittura dannoso.

Non assecondando la corrente, la ragione crea potenziali superflui...
L'anima sceglie le varianti di scenario in conformità ai miei pensieri e alle mie aspettative

l'anima può veramente presentire gli eventi prossimi a realizzarsi

So che lo scenario prediletto si realizza all'istante

Le condizioni necessarie per impadronirsi dell'intenzione esterna sono:
1- la riduzione dell'importanza e la rinuncia al desiderio di raggiungere il fine... ciò lo si può fare rassegnandosi fin dall'inizio alla sconfitta ;
2- svegliarsi, avere maggiore consapevolezza
Fin dall'inizio di una conversazione con una persona bisogna essere orientati in modo tale da guardare entrambi in una stessa direzione... Se la prima risposta che il vostro interlocutore dà alla vostra frase è "no", considerate che è inutile proseguire. Ciò significa che si è girato dall'altra parte e non intende muoversi lungo la corrente del patner.

A causa del pericolo insito nei potenziali superflui l'intenzione deve essere pura, occorre volere ed agire senza desiderare (concetto analogo al "wu wei", il "non fare" del Taoismo)... Sollevare una mano per grattarsi, bere un bicchier d'acqua, andare all'edicola a comprare il giornale sono esempi di intenzioni svuotate dai potenziali superflu

Depuro l'intenzione dai potenziali del Desiderio

L'intenzione è pura quando abbiamo ridotto l'importanza interna (attribuita a sé stessi, alla propria persona o ruolo) e l'importanza esterna (che attribuiamo agli altri e alle cose)

Difendendo i vostri errori remate contro corrente e cedete energia ai pendoli. Il desiderio di giustificarsi a tutti i costi è dovuto a un esagerato livello d'importanza interna.
Non difendete i vostri errori ma riconosceteli coscientemente. Toglietevi di dosso questo carico pesante, regalatevi il diritto di fare sbagli e permettetevi di farli. Vi sarà molto più facile vivere.

l'intenzione esterna muta in conformità alle immagini della mia diapositiva

I termini "granitico, neri d'acciaio, volontà di ferro, resistenza, padronanza di sé, autocontrollo" e altri analoghi, sottintendono il concetto di difesa, tensione, prontezza a resistere. Per sostenere un simile campo di difesa serve una massa di energia. Tutta questa energia va in pasto al pendolo. Ma se sono vuoto, non ho necessità di mantenere attivo un campo di difesa. L'energia non si consuma, il pupazzo di argilla si disperde nel vuoto e si sgretola.

il mio mondo è così come io lo penso
... le persone, nella stragrande maggioranza, sono talmente preoccupate dai problemi imposti dai pendoli che girano come trottole senza trovare il tempo per sé e la loro anima.


Le persone, preoccupate e appesantite dall'importanza, non notano nulla, a eccezione dell'importanza stessa. Ma voi avete un enorme vantaggio: la consapevolezza, l'assenza d'importanza e l'attenzione nei confronti della gente. Sfruttate questo vantaggio, e riuscirete a vedere l'oro lì dove gli altri vedono solo pietre.

Se una persona ci aggredisce o ci ostacola possiamo estinguere quel pendolo specifico visualizzando la persona in questione in uno stato di soddisfazione, immaginandolo immerso nella situazione che riteniamo possa esser la migliore per lui (estinzione del pendolo-persona con la visualizzazione benefica).


La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

http://transurfingpratico.blogspot.it/2011/10/vademecum-del-transurfer-piu-di-300.html

La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento