martedì 29 novembre 2016

ESERCIZIO LA TRANSAZIONE


1- Giro di chiave
Per allentare le tensioni muscolari del corpo visualizzate il flusso di energia nel canale ascendente e in quello discendente.,

Basterà ricordarsi dei canali energetici... Per la veloce messa in azione delle fontane energetiche immaginate che dal centro stesso del vostro corpo si dipartano due lancette orizzontali contrapposte: una è direzionata in avanti, l'altra all'indietro.
Le lancette fuoriescono dal corpo a una distanza di venti-trenta centimetri o anche di più. Ora mentalmente girate le lancette nello stesso tempo, l'anteriore in su e la posteriore in giù, in posizione verticale lungo la colonna vertebrale. Sentirete subito che i canali energetici si sono chiaramente riattivati.
Questo esercizio si può praticare sia stando fermi sul posto, sia camminando...
Per allentare i blocchi muscolari, provate a girare la chiave tante volte nell'arco del giorno, specialmente quando siete preoccupati da qualcosa...
Fate conto che si tratti della "chiave del guscio delle convenzioni", dove vi rinchiudono continuamente le circostanze negative.

2- Visualizzazione
Dopo aver girato la chiave, proiettate nei pensieri la diapositiva del fine raggiunto. Per immedesimarvi maggiormente, immaginatevi le sensazioni che provate vivendo al suo interno.

3 - Focalizzazione di uno sguardo chiaro
Dopo che siete riusciti a immaginarvi più o meno chiaramente nella diapositiva, guardate davanti a voi con "sguardo consapevole". Non pensate a nulla e non analizzate niente, guardate semplicemente con sguardo chiaro davanti a voi e in lontananza, vedendo quello che vedete. .. Ciò vi esorta a svegliarvi e ad affrontare i cambiamenti.
Nel''arco di alcuni secondi davanti ai vostri occhi avverrà un cambiamento delle sfumature delle decorazioni circostanti... Si è aggiunta un'altra sfumatura, appena percettibile e inspiegabile... Notate dei segni che attirano la vostra attenzione.
La transazione vi permette di notare come il mondo cambia proprio sotto ai vostri occhi.


Praticate la transazione in modo impassibile e con superficialità, così come fate quando vi lavate i denti... Se non ci si sforza troppo, tutto riuscirà facilmente.
La necessità (come il desiderio) è un potenziale superfluo.. Per questo motivo esorto sempre a godersi la visualizzazione e a non costringersi per necessità.


Ad ogni modo, gli elementi della transazione non sono necessari... la diapositiva del fine e la visualizzazione del processo sono più che sufficienti


Negli esercizi del Transurfing l'attenzione principale dev'essere concentrata sulla proiezione della diapositiva del fine e sulla visualizzazione del processo di realizzazione dell'anello mancante della catena di transfer.

Vadim Zeland

La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

domenica 27 novembre 2016

CHE CI METTI NELLA MENTE ?

















" Ricorda, la tua mente è la tua più grande risorsa, 
quindi attento a quello che ci metti dentro."

- Robert Kiyosaki

La via del Transurfer -
https://faregruppo.blogspot.it

LA GRATITUDINE



La via del Transurfer -
 https://faregruppo.blogspot.it

Credere in se stesso

Questo è l’elemento in cui devi credere per poter avere successo in qualunque campo della tua vita, non soltanto nel Network Marketing. Avere fiducia in se stessi e nelle proprie capacità dovrebbe essere il tuo obiettivo più importante perché se crederai in te stesso con tutto te stesso potrai spostare le montagne, potrai realizzare l’impossibile anche se sarai impossibilitato.

Credere in se stessi e nelle proprie capacità di darà la forza di superare qualunque ostacolo, qualunque critica, qualunque paura e in questo mondo in cui il coraggio di inseguire i propri sogni viene ucciso già da quando siamo piccoli con frasi come “Non puoi”, “E’ impossibile”, “Smettila di sognare”questa qualità è una delle più preziose tra tutte.

Quindi te lo dico con tutto il cuore, se qualcuno ti dice che non puoi farcela, mandalo pure aff*****o! E’ lui che non può, non tu. Tu puoi. Devi crederci assolutamente. Devi credere in te stesso, ma di nuovo: Basta che io ti dica che tu debba crederci per poterlo fare? No, non basta! Io ti posso ispirare a farlo ed è ciò che sto cercando di fare e che farò sempre attraverso questo blog e gli strumenti che ti metto a disposizione, ma tu devi fare tutto il possibile per credere in te stesso e anche qui, la soluzione è la stessa.

Anche qui ti servono soltanto due cose: informazioni e prove. Ti servono informazioni riguardo al modo in cui funziona il tuo cervello e le tue paure e come utilizzare la propria mente a tuo vantaggio, non lasciando che siano i dubbi e le paure a controllarti, ma i tuoi sogni e i tuoi punti forti e soprattutto l’idea che la vita e breve e che un giorno rimpiangerai non aver inseguito quei sogni. E’ ciò di cui parlo nel secondo capitolo dell’Opportunità, ma anche in vari articoli di questo blog. Dopo aver capito come funziona il tuo cervello, devi avere le prove che puoi farcela. Devi dare la conferma alla tua mente che puoi farcela nello stesso modo in cui devi ottenere dei minimi risultati nel Network Marketing per poter credere in questo business.

E come farlo? Assumendoti delle responsabilità e dei rischi, guardando sempre l’obiettivo e ciò che vorresti avere e non ciò che non hai. So che non è facile, ma ti dico che è possibile. Molti ce l’hanno fatta e non erano per niente diversi da te. Forse vivevano persino una vita peggiore della tua.Rischia di sbagliare e sbaglia, se necessario. Impara dai tuoi sbagli perché nessun mentore è più bravo di uno sbaglio. Impara e fanne tesoro delle informazioni che acquisisci e condividile con gli altri. Sbaglia finché raggiungi quelle piccole conferme che è possibile, che puoi farcela, in modo da rinforzare il tuo credo in te stesso fino al punto di essere totalmente convinto. Un passo alla volta. Un po’ oggi, un po’ domani, ma…NON TI FERMARE MAI!
Fonte http://www.infonetworkmarketing.org/motivazione/credere-per-avere-successo-nel-network-marketing/

La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

giovedì 24 novembre 2016

DEDICATO A CHI E' DEPRESSO

...Stai girando in tondo, passi e ripassi... e non ti accorgi di cadere in una piccola buca. Prima è piccola, poi diventa più grande, con ogni tuo passo. Ancora diversi giri fa potevi uscirne da solo, dovevi solo fare un passo di lato, e continuare sulla strada... ma no, tu scegli la buca.
Osserva: sei tu che l'hai scelta, non lei che ha scelto te; non ci sarebbe stata se tu non girassi in tondo.
Non te ne accorgi, ma sei dentro già fino alla vita. La gente inizia a interessarsi: come mai sei lì, se è da tanto che sei lì. Qualcuno offre l'aiuto. E tu stai di nuovo di fronte una scelta: se tornare in superficie, ovvero fare uno sforzo, iniziare a fare qualcosa, o non cambiare nulla nei pensieri, nelle parole, nelle emozioni... Continuare a immergerti.
In una buca
In una grande enorme buca.


Qualunque fosse la tua decisione, gli aiutanti ci saranno: ti daranno una mano o inizieranno a compatirti, accelerando la tua immersione.
Ed ecco, guardando intorno, tu vedi ormai solo il muro. La buca è così grande che ormai ci sei dentro tutto. Ora di sicuro hai bisogno degli aiutanti. Ma chi chiami? Colui che calerà giù una scala o colui che, con dei consigli e discorsi, la farà diventare un pozzo?

Solo tu sai che tipo di collaborazione ti serve.
Decidi dove muoverti: in su o in giù.
Non sei "nella buca".
Tu "hai" una buca.
Ce l'hai.
E ora è solo tua.
E' nel tuo potere.

Sei tu il suo padrone, come sei il padrone dei tuoi pensieri, emozioni, azioni.
Puoi cambiare il vettore del tuo movimento.
Hai sempre una chance di uscire dalla buca.
La scelta è tua.

Che cosa fare, mi chiederai?
- per iniziare, non dire "sono depresso", dì "ho una depressione" (come per dire "Ho l'influenza).
- la depressione è una buca la cui profondità dipende solo da te.
- la stai scavando fissandoti sulla situazione, autocommiserandoti, facendoti venire dei sensi di colpa, piangendo e soffrendo.
- l'acol, fumo ed altro che credi ti aiutino per rilassarti, sono, in realtà, delle potenti scavatrici che scavano con una velocità supersonica.
- Puoi uscirne con la tua consapevolezza, prendendoti la responsabilità per la vita e per la tua scelte.
- Se la buca è orma molto profonda, è meglio uscirne con l'aiuto di chi se ne intende, con uno specialista. Se ti fa male un dente, ne parli con gli amici o vai dal dentista? Ecco.

- A volte, per trovare l'uscita, guarda solamente in su.

(Irina Rizhkova)

Advanced Mind Institute Italia FB


La via del Transurfer - 
https://faregruppo.blogspot.it

5 modi per aumentare la tua vibrazione e manifestare quello che desideri

Tutto l’universo è fatto di energia. Dai nostri pensieri e sentimenti, al cibo che mangiamo, tutto vibra ad una sua particolare frequenza. La gioia, la felicità e l’amore sono sulla parte più alta della scala vibrazionale.

Qui di seguito troverai i 5 modi per aumentare la tua vibrazione in modo da poter attrarre ciò che desideri.

1. Scrivi la tua giornata ideale
Questo è un ottimo punto di partenza, perché non solo ti aiuta ad avere chiarezza in ciò che vuoi manifestare, ma ti permette anche di sentire le emozioni che l’esperienza ti porterà. Diciamo che se vuoi attrarre una nuova relazione romantica, immaginati con il tuo partner ideale, mentre trascorrete la giornata insieme. Ora prendi il tuo diario e inizia a scrivere i dettagli di quel giorno. Quali sono le cose che vuoi fare con lui/lei? Cosa indossi, come ti senti? Visualizzati mentre vi prendete per mano, definisci una data, cattura quanti più dettagli possibili. In questo modo stai fondamentalmente scrivendo la sceneggiatura della tua vita. Non c’è bisogno di sapere chi è la persona che vogliamo attirare (è molto meglio lasciare questa opzione aperta all’Universo).


2. Crea affermazioni che sostengano la tua visione ideale
Ora che sai ciò che vuoi, crea delle affermazioni o mantra che puoi ripetere a te stesso e che supportano il risultato desiderato. Questo serve per allenare la mente a cercare l’opportunità che ti porterà all’esperienza che si desideri. Inoltre, ciò su cui ti concentri si espande, più hai pensieri positivi, più facile sarà attirare esperienze positive. Utilizzando il nostro esempio per attrarre un nuovo rapporto, potresti utilizzare affermazioni come: “Io sono degno di ricevere amore”, “Io irradio amore e attiro amore tutti i giorni”. Scrivi queste affermazioni quotidianamente nel tuo diario o mettili su dei post-it in tutta la tua casa come promemoria.

3. Fai un collage di immagini
Si chiamano tavole Vision (o schede di sogno) sono grandi perché ci aiutano a vedere ciò che è possibile per noi. Una tavola Vision è un collage di immagini e / o citazioni che danno una rappresentazione visiva di ciò che desideri. Mettere insieme delle immagini su quello che stai manifestando aumenterà la tua vibrazione, perché quando guarderai quelle immagini, starai ponendo la tua mente nello Stato in cui ha già avuto queste cose. Per attrarre un nuovo partner, è possibile utilizzare immagini di luoghi che desideri, tipo viaggi insieme, immagini di coppie felici, o citazioni sull’amore. È possibile creare la tua tavola online attraverso la raccolta di immagini e metterle insieme in un collage, oppure è possibile stamparle o ritagliarle da riviste e incollarle su un grande di foglio da tenere in casa.

4. Pratica la Gratitudine
Essere grati per quello che si ha già è un modo sicuro per attirare più cose buone nella nostra vita. Ti bastano pochi minuti ogni giorno per concentrarti sulle persone, cose ed esperienze di cui sei grato da scrivere in seguito sul tuo diario. La chiave è quella di entrare nella mentalità della gratitudine, perché è quella sensazione che segnalerà all’Universo la tua vibrazione positiva.

5. Ridi e divertiti
Questo potrebbe sembrare ovvio, ma essere felici è uno dei modi più semplici per aumentare la tua vibrazione. Quando ridiamo, giochiamo e ci divertiamo siamo nel momento presente e non pensiamo a quello che non abbiamo. Possiamo anche metterci in quelle emozioni, portando la mente a quando siamo stati felici e stavamo ridendo, per cambiare la nostra fisiologia, o guardando video divertenti on-line. Vivere in uno stato di gioia farà da calamita per avere ancora più gioia.

Attirare quello che vuoi nella tua vita comporta l’allineamento di pensieri convinzioni. L’applicazione di questi 5 suggerimenti puo’ aiutarti ad amplificare la tua vibrazione e ti aiuterà a manifestare ciò che vuoi. Addestra il tuo subconscio a cercare l’opportunità che andrà a segnalare all’Universo la tua apertura a ricevere le esperienze che desideri.

http://it.anahera.news/vibrazione-energia-universo/?user=pico251




La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

lunedì 21 novembre 2016

LE QUALITA' DEI DONATORI DI ENERGIA POSITIVA

Siete mai stati con qualcuno che sembra irradiare una luce che mette di buon umore tutte le persone intorno?

E nello stesso modo: avete mai passato del tempo con qualcuno così infelice, che sembra emanare vibrazioni così negative, al punto di risucchiare la felicità di chiunque fosse intorno a lui?


Vampiri o donatori di energia?

Oltre ai vampiri energetici, esistono i donatori di energia positiva; ognuno di noi, anche se inconsapevolmente, emana un’energia, che può risultare positiva o negativa: il contatto con un’altra persona crea come due poli che si possono attrarre o allontanare.

Non è necessario avere dei poteri paranormali per percepire l’energia positiva o negativa emessa dalle altre persone, si tratta di una forma di energia molto reale.

Per approfondimento, ti consiglio la lettura dell’articolo Ladri di energia: “Vampiri ergetici consapevoli e vampiri inconsapevoli”

E’ successo qualcosa che vi ha reso felici, ottimisti, produttivi e in salute? Probabilmente siete stati contagiati da un donatore di energia positiva.

La ricerca ha dimostrato che una buona carica di energia positiva aiuta non solo la guarigione psicologica ma anche quella fisica. Le persone sono ispirate a fare buone scelte, quando vedono gli altri intorno fare lo stesso

Chi sono i donatori di energia positiva?

Sono persone che, nonostante tutto, restano sempre allegre, felici, propositivi. Non è che queste persone non sentano il dolore o la tristezza, non sono insensibili, né hanno vite idilliache, prive di problemi. “Semplicemente”, riescono a non farsi sopraffare dai sentimenti negativi e a godere delle cose positive della vita.

Ecco alcuni comportamenti caratteristici di questo tipo di persone; abitudini che possiamo replicare e far diventare anche nostre per vivere meglio, sicuramente più felici.

Apprezzano la vita

Sono persone che hanno imparato a sviluppare un senso di meraviglia nei confronti della vita, concentrandosi sulla bellezza di ogni singola cosa. Sono grati per il fatto di svegliarsi ogni mattina; prendono il massimo da ogni singolo giorno della loro vita, non danno mai nulla per scontato e imparano ad apprezzare la bellezza che sta intorno a loro, in tantissime cose, dalle più piccole alle più grandi, come i bimbi.

Ridono tantissimo

Ridono sempre, sanno che il sorriso ha su di loro innumerevoli benefici. Non prendono né se stessi né la vita troppo seriamente; approfittano di ogni occasione per farsi quattro risate. Perchè non ne approfittatene? Vi può solo far bene.

Sono ottimisti

Cercano di vedere il lato positivo di ogni situazione. Anche nelle situazioni che sembrano negative, in realtà riescono a individuare almeno un lato positivo: può essere il fatto di imparare qualcosa da un errore, l’opportunità di migliorare dopo un esame non passato, e così via. Può essere difficile da trovare, ma secondo loro, il lato positivo esiste sempre. Perchè non fate uno sforzo per trovarlo anche voi e rimpiazzate sempre i pensieri negativi con altri positivi?

Sono gentili

Rispettano sempre le altre persone, indipendentemente da chi sono, cosa fanno, dove vivono ecc. Quando possono, aiutano gli altri, senza volere nulla in cambio. Sono generosi e gentili. Perchè non provate con la vostra gentilezza a cambiare la giornata di chi vi trovate davanti, rendendola migliore?

Non smettono di imparare

Sono sempre aggiornati sulle cose che riguardano sia il lavoro che le passioni degli altri. Perchè non provate cose nuove che stimolano la vostracuriosità o cose che avete sempre voluto fare?

Amano ciò che fanno

Hanno capito che la felicità non è fare ciò che si ama, ma amare ciò che si fa. Se la vostra vita è tutta dedita all’ottenere ricchezze e a essere ogni giorno più potenti, vi posso assicurare che non riuscirete mai a trovare la felicità.

Si godono la vita

Sanno prendersi del tempo per godere delle bellezze attorno a loro. Non fanno del lavoro il centro della loro vita, hanno capito che esiste molto altro. Hanno imparato a vivere nel presente e ad apprezzare quello che hanno intorno. Non restano intrappolati nel passato e neanche intrappolati con la mente sempre al futuro. Vivono giorno per giorno, momento per momento. Perchè non provate a passare più tempo con le persone che amate o magari a fareun’escursione in mezzo alla natura?

Scelgono gli amici sapientemente

Si circondano solo di persone positive, che hanno valori simili ai loro e condividono i loro obiettivi. Perchè non provate anche voi a fare una cernita con le vostre amicizie?

Perdonano

I donatori di energia sanno che serbare rancore fa male solo a se stessi, non ci fa ottenere nulla. Sanno anche perdonare se stessi quando fanno un errore, perchè hanno capito che imparando dall’errore compiuto è possibile evitare di ripeterlo. Perchè non iniziare da ora ad essere meno severi con voi stessi e verso gli altri?

Hanno un atteggiamento di gratitudine

Hanno imparato a essere grati per tutto ciò che hanno. Analizzano la loro vita, considerando quante cose hanno per cui essere grati: dalla casa al lavoro, dagli amici alla famiglia, e così via, passando anche dalle cose banali. Perchè non provate a focalizzarvi sulle cose belle anzicchè focalizzarvi su quelle negative?

Vivono relazioni sane

Vivono le relazioni all’insegna del rispetto reciproco, della fiducia, della felicità e del benessere della coppia. Come vivete il vostro rapporto?

Non giudicano gli altri

Non si concentranosulle vite degli altri, su cosa fanno o dicono. Non giudicano. Sanno bene che ognuno ha il diritto di vivere la vita come crede, inclusa la loro.

Non mollano mai

Se vogliono ottenere qualcosa, piccola o grande che sia, fanno di tutto per raggiungerla; non mollano mai. Creano un piano d’azione e agisciscono….e se falliscono, ritentano. Sanno che se cadono possono rialzarsi. Perchè non provate a porvi un piccolo obiettivo?

Fonte:http://psicoadvisor.com/

domenica 20 novembre 2016

6 modi per utilizzare la potenza della positività e cambiare il mondo intorno a te

Sei tu il profeta di te stesso, o ti lasci influenzare da cio’ che vivi? Charles R. Swindoll disse: “La vita è il 10% di ciò che ci accade e il 90% di come si reagisce a questi eventi.”

Se ci concentriamo su un esito negativo, stiamo inconsciamente chiedendo l’esito su cui ci siamo concentrati, senza neanche rendercene conto. La domanda è questa: se lasciamo che la rabbia, come altre emozioni e pensieri negativi ci consumino, riusciremo ad avere il controllo sulla nostra vita? E’ l’emozione che ci controlla o è l’esatto opposto? Rispondi a questa domanda onestamente e sii pronto ad accettare la risposta e ad impegnarti per cambiarla.





La comprensione di queste 6 cose ti aiuteranno ad utilizzare la potenza della tua positività

1) Sei parte dell’equazione della vita
La frequenza e le vibrazioni svolgono un ruolo centrale nel modo di pensare e sentire; le negatività rappresentano invece la causa della disconnessione. Una volta che ti scolleghi dal mondo, ti senti separato e solo. Questo è noto come il dolore della separazione. La positività, d’altra parte, è naturale e innata. anche se ha bisogno di essere riprogrammata nella tua psiche. Il pensiero negativo deve essere cancellato e quello positivo deve prendere il suo posto.


2) Cambia dentro di te per cambiare il mondo fuori da te
La società di oggi ci dice che il cambiamento è esterno. È così che Muhammad Ali è diventato Boxer dalle sue umili origini a Louisville nel Kentucky? È così che ogni grande che si rispetti ha raggiunto i suoi obiettivi nella vita? Mai in un milione di anni! Il cambiamento è interno. Una volta che cambierai, sarai finalmente libero e l’unica limitazione che avrai sarà nella tua mente.

3) Tu sei il creatore della tua realtà
Pensa a te stesso come ad un artista e all’Universo come un pennello. Tu pitturi e l’universo è il tuo strumento di fiducia per fare un ottimo lavoro. In realtà, l’Universo può essere qualsiasi strumento e può essere tutto quello che vuoi che sia. Se vuoi costruire un grattacielo, lascia che l’universo sia il disegno dell’architetto e la gru. Prenditi un quarto d’ora ogni giorno per visualizzare e concentrati sulla sensazione positiva che ti da la visualizzazione, invece di concentrarti sulla mancanza di ciò che non hai. Mentre questi pensieri sono accoppiati insieme alla sensazione positiva, diventano più potenti perchè arrivano dal profondo del tuo animo.

4) La guarigione è perdere il senso di separatezza e paura
Quando ti riconnetti, senti meglio all’interno di te stesso, in questo modo puo’ avvenire la guarigione.Nel momento in cui si ha una guarigione, il senso di separazione e la paura scompaiono, proprio come succede con una ferita. La cicatrice lasciata alle spalle è un piccolo ricordo di quel particolare processo. E’ importante riconoscere a te stesso che eri forte in quel momento. L’Universo ti sostiene, sempre.

5) Gli altri sono alleati della tua creazione
Tutti noi vinciamo, quando ci aiutiamo l’un l’altro e sostenerci a vicenda. L’unica persona che può uccidere un’idea è la persona che l’ha pensata.

6) Si può sempre cambiare il canale per sintonozzarci meglio
Se non ti piace la frequenza e / o la vibrazione di qualcosa è possibile cambiare canale o addirittura ripristinare ad uno più confortevole e naturale per te. Se hai avuto una brutta giornata, non significa che il giorno dopo sarà lo stesso. Hai il potere di scartare o aggiungere alla tua vita, e questo include tutto. Eliminare le cose negative e portare il bene nella tua vita.

In breve, ciò che senti è una giustapposizione al tuo stato naturale. Le giustapposizioni sono contrasti, e quindi sono in grado di miscelarsi, come olio e acqua. Ma il sale esiste! Ricorda, piccoli cambiamenti producono grandi risultati.

http://it.anahera.news/mente-positivita-pensieri-vita/?user=VivianaCaputo


La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Che Cos’è il Network Marketing?

Mi sorprendo quando la gente ancora oggi mi chiede: Che Cos’è il Network Marketing?

Alcuni rispondono in qualche modo che non sembra mai arrivare a una spiegazione solida.

Questo è molto più comune di quanto si pensi e sembra accadere spesso nel mondo del network marketing.

Questo articolo ha lo scopo di dare la spiegazione più semplice su quello che è e sul perché così tante persone lo scelgono per diventare Network Marketers al fine di cambiare la propria vita e raggiungere il successo senza dover lavorare tutto il giorno.


Che Cos’è il Network Marketing?

Il Network Marketing è, in poche parole, è un metodo di distribuzione di prodotti e servizi che ha la finalità di permettere a chiunque di diventare un distributore e di creare una rete di distributori senza consistenti investimenti in denaro.

Ciò significa che i rappresentanti inseriti in quella rete, la cosiddetta “downline“, ottengono una percentuale di ogni vendita.

La cosa interessante del network marketing è che si può anche diventare un venditore di un prodotto che non si possiede e quando succede questo, le cose si fanno davvero interessanti.

Quindi, cos’è il Network Marketing?

Puoi diventare un rappresentante di un prodotto e poi reclutare altre persone per aiutarti a rappresentarlo ed è così che si inizi a vedere commissioni in arrivo senza dover investire l’intera giornata lavorando.

Non sarai più legato ne a un datore di lavoro ne a degli orari per guadagnarti uno stipendio anche lavorando da casa.

Questo è il motivo principale per cui così tante persone scelgono di entrare in una rete di marketing in tempi moderni, perché permette loro di fare più soldi ma anche di avere più tempo libero da trascorrere con i propri cari, facendo cose che in realtà aggradano maggiormente.

Nessuno vuole essere una di quelle persone che passano tutto il giorno a poltrire, ma sedersi su una scrivania e prendere ordini da qualcun altro che si arricchisce col nostro lavoro, per prendere uno stipendio fisso, è sicuramente molto ingiusto.

Questa è la realtà di un sacco di gente e sicuramente qualcosa deve cambiare, perché per la maggior parte delle persone la sicurezza e la stabilità del loro posto di lavoro non è più qualcosa di affidabile e hanno bisogno di trovare un modo per espandersi nella loro vita.


Il Networking Marketing è uno Schema Piramidale?

Non ha niente a che fare con quegli schemi piramidali che girano e che stanno dando solo molto poco reddito a tutte quelle persone che sono al di sotto dei loro reclutatori.

Con il Network Marketing si ha un determinato numero di persone nella propria squadra e poi tutte le persone che si sono reclutate possono iniziare a creare il proprio gruppo: questo significa che essi guadagneranno dalle loro reclute tanto quanto i loro reclutatori guadagnano da loro.

Questa è la differenza principale e più importante tra i metodi piramidali di marketing ed i metodi di network marketing.

Il mondo è completamente diverso ora e noi non siamo più limitati alle persone che conosciamo personalmente.


Il Network Marketing Online ti porta Nuovi Contatti Gratuitamente

Sei alla ricerca di ulteriori risultati con il Network Marketing?

Grazie a internet e social media siamo collegati a un numero sempre maggiore di persone, e questo è qualcosa che ci sta permettendo di diventare finanziariamente indipendenti e di allontanarci dal nostro vecchio stile di vita che di solito rende le persone depresse e completamente insoddisfatte dalla vita.

Questo è il motivo per cui lavorare con internet con il network marketing è diventato così popolare, perché si sta permettendo alle persone di lasciare finalmente partire di questo tipo di modello di business e di iniziare a guadagnare un reddito molto più alto, senza dover lavorare tante ore al giorno.

Anche tu puoi iniziare la tua attività di Network Marketing oggi ed essere in grado di raggiungere i tuoi obiettivi.


articolo di Mirko Casagrande

La via del Transurfer -
https://faregruppo.blogspot.it


Vuoi guadagnare con Blancodent?

Guadagna fino al 10% di commissioni facendo conoscere Blancodent attraverso il tuo sito o Facebook oppure condividendo link e immagini con i tuoi conoscenti.

PARTECIPA AL NOSTRO PROGRAMMA DI AFFILIAZIONE.

Guadagnare è semplicissimo

1) Promuovi Blancodent sul tuo sito o attraverso le email o Facebook e Watsapp

2) Per ogni ordine che arriverà da una tua segnalazione guadagnerai il 10%

3) Riceverai la tua commissione entro il 20 del mese successivo in base alla carriera raggiunta.


Incaricato BLANCODENT Ivano Vagnotti

prova i prodotti Blancodent iscriviti come cliente

Guadagna con Blancodent iscriviti come incaricato

Per info 

oppure telefona a Ivano 328 8056065

Visita Blancodent Freelife Blog







sabato 19 novembre 2016

Io dico imparate a essere generosi e coltivate la vostra ricchezza interiore

Vorrei parlarvi di questo quesito, a proposito della ripartizione delle ricchezze. So che questo è un problema che preoccupa la maggioranza delle persone. Affinché possiate comprendere come si manifestano le cose prendete come esempio l’organismo.
L’organismo rappresenta l’intelligenza cosmica, essendo stato creato dalla natura l’organismo ci dona la migliore indicazione. Ci rivela l’origine della ripartizione delle ricchezze così come la possiamo osservare oggi e ci mostra qual è la causa di tutte le provocazioni, le gelosie e le rivolte. L’eguaglianza non esiste nell’-universo. È l’ineguaglianza a regnare.

Osservate i minerali, i vegetali, gli animali. Da questa diversità tra le creature deriva il fatto che le loro facoltà, i loro gusti, i loro desideri sono diversi e che ciascuno avrà quindi delle possibilità intellettuali, affettive e fisiche diverse: gli uni compiranno prodezze, saranno primi nella lotta per la vita gli altri non avranno le stesse possibilità. È normale? Assolutamente. Bisogna essere furiosi per questo? No di certo! Ma le persone non riflettono fino a questo punto: urlano, si ribellano, perché si fanno trascinare da altri. Ma qui si tratta di comprendere, di studiare, di fare chiarezza. Voler possedere sempre più o fare delle competizioni è del tutto normale. Questo permette l’evoluzione dell’uomo. Quando, allora, incomincia a diventare anormale? L’organismo ce lo dice così chiaramente che nessun filosofo può sollevare obiezioni. Stò riferendo l’opinione della natura, non la mia personale, quindi se proprio volete arrabbiarvi arrabbiatevi con la natura stessa.

Allora, è permesso di accumulare ricchezze? Certamente! Che cosa fa lo stomaco quando gli date il cibo? Si getta su quegli alimenti per prenderne tutto ciò che è necessario, e invia il resto altrove. Ma ciò che trattiene non lo utilizza solo per sé: lo lavora, dopo di che lo distribuisce nel corpo secondo una logica interiore di priorità. Così l’uomo parla, cammina, lavora, canta…
Tutti gli esseri umani sono cellule di uno stesso corpo.
Tutti gli esseri umani possono aspirare e coltivare l’amore, la luce e la fede perché la vera ricchezza si trova nel campo dell’anima e dello spirito. È la che io la cerco, e se sarò ricco di quella ricchezza avrò anche la ricchezza materiale: essa verrà da sola verso di me. E attirerò a me persone che vibrano alla mia stessa energia. 

L’uomo purtroppo ancora oggi non vede la corrispondenza tra il mondo interiore e quello esteriore. Eppure si tratta di una legge cosmica: alla ricchezza interiore corrisponde la ricchezza esteriore e alla povertà interiore corrisponde la povertà esteriore. Nella natura è così: gli animali, le piante i minerali che sono ricchi di proprietà chimiche, nutritive, medicinali sono anche ricchi esteriormente nella materia, nella forma, nei colori… gli esseri umani invece a causa della loro libertà hanno deviato e deformato le cose: sono spesso impegnati a lamentarsi di ciò che non va coltivando bassi pensieri e sentimenti, si sentono sempre privati di qualche cosa senza riflettere dei dono che il Divino gli offre in ogni momento. Sono gelosi di chi ai loro occhi è ricco. È come una ragazza brutta che è invidiosa di una ragazza bella: troppo facile! Se anche lei fosse bella smetterebbe di criticarla. Io dico imparate a essere generosi, coltivate la vostra ricchezza interiore, gioite dell’abbondanza altrui e lavorate sui voi stessi per abbandonare tutti i pensieri di scarsità e limitazione che avete nel cuore. Abbiate fede, perché tutto ciò che veramente ci necessità non manca mai.

Bisogna essere ricchi e bisogna distribuire. Il vero Iniziato è un capitalista egli si arricchisce, si arricchisce a tutti i livelli del suo Essere…. inoltre è anche un vero comunista perché distribuisce i suoi frutti (che non hanno prezzo). Non esiste un essere più ricco del Signore, ricco da impazzire e distribuisce le sue ricchezze per non scoppiare. Osservate il Sole il sole è ricchissimo. Tutti i pianeti prendono l’unico che dà e il sole. Allora perché non imitarlo? Il problema sarà risolto: non ci saranno più capitalismi, né comunismi. Ci saranno solo i figli di Dio incantati gli uni degli altri.
http://www.chihararmonia.com/articoli/sulla-ricchezza-%E2%80%A6/

La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

giovedì 17 novembre 2016

Sintesi della pratica del Transurfing

  1. Sii consapevole che la realtà si manifesta a partire da uno spazio delle varianti dove sono rappresentati tutti gli eventi possibili ed immaginabili, del presente, del passato e del futuro.
  2. Una variante si materializza nel momento in cui noi ci sintonizziamo con la vibrazione ad essa corrispondente.
  3. Sceglie la variante dove percepisci felicità nell’anima ed un accordo tra cuore e ragione.
  4. Mantieni nella testa la diapositiva del fine su cui ti vuoi sintonizzare. Vivila dentro di te immaginandoti attore di quella situazione di vita ideale.
  5. Immergiti, inoltre, consapevolmente nel processo di realizzazione del fine che ti sei riproposto, visualizzalo in te e assaporane le sensazioni e le emozioni corrispondenti.
  6. Se devi giustificarti razionalmente una scelta sappi che non è quella della tua anima. Non stai andando verso il tuo fine attraverso la tua porta!
  7. Sii consapevole che necessita un tempo il cambiamento delle linee della vita, abbi pazienza e nel frattempo “datti in affitto”, osservati dall’esterno con distacco mentre giochi un ruolo che non è ancora il tuo.
  8. Non farti agganciare dalle provocazioni dei pendoli. Mantieni l’attitudine a ricordarti che ogni emozione negativa non serve né a te né alla risoluzione di un eventuale problema, ma solo a qualche pendolo che vuole rubarti energia.
  9. Lascia andare ogni senso di importanza interna ed esterna, al fine di non creare nessun potenziale superfluo che potrebbe portare alla manifestazione esattamente ciò che non vuoi.
  10. Sappi che ciò che scegli si manifesterà sempre, in modo inequivocabile e senza alcuno sforzo da parte tua. È la realtà che funziona così e va solo assecondata e fatta fluire.
  11. Ogni problema ha già la sua soluzione e sarà la corrente delle varianti a suggerirtelo se le permetterai di scorrere liberamente. Resta pacatamente sereno in questa consapevolezza; se non ci riesci allora brucia il potenziale superfluo dell’importanza tramite l’azione.
  12. Pratica costantemente la ginnastica energetica ed esercitati a rilasciare le tensioni muscolari.
  13. Osserva sempre il principio della coordinazione: rinuncia a dimostrare il tuo valore e scegli – consapevolmente – di rispondere sempre in positivo a qualunque accadimento. Gioisci anche delle disgrazie apparenti. In questo modo il futuro avrà sempre in serbo per te una piacevole sorpresa.
  14. Datti il permesso ad ottenere e lascia che l’intenzione esterna porti alla manifestazione tutto ciò che vuoi!


La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Principi Fondamentali del Transurfing

La proprietà fondamentale del mondo è la molteplicità delle varianti in cui la realtà può manifestarsi. Esistono, in uno stato di possibilità, un numero virtualmente infinito di varianti di realtà: c’è quella in cui noi non esistiamo neppure, quella in cui siamo ricchi, quella in cui siamo poveri, quella in cui abbiamo scelto una vita monastica e quella in cui abbiamo scelto di diventare un manager d’azienda, e così via.
  • Possiamo chiamare “Spazio delle Varianti” quel campo informativo che contiene le informazioni di TUTTO ciò che è stato, è e sarà. Nella realtà fisica può manifestarsi una sola delle varianti possibili, tutte le altre restano in una dimensione potenziale, ma possiamo indurle a manifestarsi. Poiché ogni variante già esiste, è sempre esistita e sempre esisterà, il tempo che scorre come noi lo concepiamo non esiste, è piuttosto la coscienza dell’osservatore che si muove lungo una linea o l’altra dello spazio delle varianti.
  • Ognuno vive la propria variante, che si interseca con quelle degli altri. Si definisce “strato di realtà” tutto ciò che abbiamo portato a manifestarsi nella nostra vita. Ogni variante ha una sua struttura di base (lo “scenario”) e degli attributi (le “decorazioni”); una lieve modificazione della variante cambia solo le decorazioni (ad es. cambio la mia occupazione nell’azienda in cui lavoro), una modificazione importante può cambiare proprio lo scenario (ad es. cambio radicalmente lavoro).
  • L’energia di emozioni e pensieri permette di sintonizzarci con una variante specifica. In pratica l’energia che emettiamo ci allinea esattamente sulla variante che risuona con quelle precise frequenze e la porta a manifestarsi. Ecco perché ciascuno ottiene SEMPRE ciò che sceglie, il problema è che le scelte avvengono per lo più inconsciamente e sono spesso sintonizzate su vibrazioni di paura, conflitto, mancanza, determinando una vita che si muove su quei parametri di insoddisfazione.
  • Le varianti non possono essere modificate, però noi possiamo scegliere su quali vibrazioni sintonizzarci e, quindi, quale variante manifestare (“Ciò che scegliete si realizza sempre!”). È come quando ascoltiamo la musica alla radio; non possiamo cambiare la programmazione delle varie stazioni ma, se una musica non ci piace, possiamo cambiare stazione. L’unica, importante,  differenza è che le stazioni radio sono limitate e potremmo non trovare la nostra musica preferita, mentre le varianti sono infinite e quindi contengono sicuramente la nostra variante ideale.
  • Secondo quanto appena espresso il destino attuale non si può cambiare. Possiamo però sempre scegliere una nuova linea di vita e, quindi, un nuovo destino. Il destino possiamo considerarlo effettivamente predeterminato, solo che di varianti di ogni destino ne esistono infinite.
  • Secondo Zeland il problema principale nella realizzazione dei propri desideri più autentici sta nella manipolazione che i “pendoli” attuano sugli esseri umani. I pendoli sono delle strutture energetiche (il concetto è analogo a quello di eggregora) che prendono vita quando i pensieri di un gruppo di persone vanno nella stessa direzione, creando un flusso coerente che inizia a vivere di vita propria e ad assoggettare le persone ai propri scopi, al fine di autoperpetuarsi. Zeland li definisce pendoli perché oscillano su determinate frequenze ed hanno bisogno di continuare a vibrare su quelle frequenze per restare in vita. Se nessuno li alimentasse si estinguerebbero.
  • Secondo Zeland ogni pendolo (un’ideologia, un partito politico, un movimento religioso, un club, una credenza di moda, ecc.) è distruttivo per sua stessa natura, perché sottrae energia a chi vi aderisce, cercando sempre di sottometterlo al proprio potere ed ai propri fini; fini che le persone scambiano per propri, al punto di arrivare a morire per una determinata ideologia. Il mondo come lo conosciamo è strutturato sui pendoli e non ne possiamo, quindi, fare a meno, è necessario però trovare quello che più ci corrisponde (altrimenti vivremmo in uno “stato di sospensione” dalla realtà).
  • Gli strumenti che i pendoli usano per assoggettare sono: paura, ansia, angoscia, diffidenza verso chi appartiene ad un altro gruppo, senso di colpa, senso del dovere. Mettendo il dito sulla giusta piaga il pendolo attinge all’energia degli individui. È essenziale comprendere che i pendoli attingono energia anche da chi li combatte! Pensateci bene: per far oscillare un’altalena non importa che la si spinga da un verso o dal verso opposto. Per non stare al gioco del pendolo dobbiamo quindi ignorarlo o reagire in un modo che non si aspetterebbe, “non adeguato” (reagendo, ad esempio, con entusiasmo invece che con sconforto, con gioia invece che con irritazione).
  • È molto importante comprendere che il lottare contro qualcosa è in realtà un alimentare quel qualcosa. Le frequenze di “amore per quel politico” o di “odio per quel politico” producono lo stesso risultato, cioè vanno tutte a nutrire quel determinato politico (come è citato nel film “The Secret” non è forse vero che spesso vincono le campagne elettorali le persone più controverse? Questo perché hanno concentrato tutta l’attenzione su di loro). È lo stesso principio per cui se dicessimo ad una scolaresca: “Adesso pensate agli elefanti” oppure: “Adesso NON pensate agli elefanti” otterremmo il medesimo risultato e cioè che tutti i ragazzi avrebbero gli elefanti nella testa.
  • Tutto ciò che non vogliamo l’otterremo inevitabilmente, per questo è necessario fin da subito rinunciare alla lotta e al contrasto, accettando che esistono altre realtà e che ciascuno è libero di sceglierle e di viverle. Noi semplicemente sceglieremo la nostra. Opporsi giudicare ciò che non ci piace ha come unico risultato l’ottenerlo. È indispensabile imparare ad ignorare le provocazioni dei pendoli (che si prefiggono sempre di prendere energia da noi) ricordandoci, appunto, che sono solo delle provocazioni. Sviluppando l’attitudine di ricordare diventerà sempre più facile esserne immuni. Se una persona ci aggredisce o ci ostacola possiamo estinguere quel pendolo specifico visualizzando la persona in questione in uno stato di soddisfazione, immaginandolo immerso nella situazione che riteniamo possa esser la migliore per lui (estinzione del pendolo).
  • Per non farsi coinvolgere dai giochi dei pendoli è buona pratica imparare ad osservarsi dall’esterno, con distacco (Zeland lo definisce “darsi in affitto”). Ricordiamoci che qualunque situazione esiste già, dagli scenari peggiori ai migliori, noi dobbiamo solo scivolare su ciò che riteniamo più favorevole, senza giudicare niente, sintonizzando adeguatamente le nostre frequenze mentali. Non abbiamo il potere di creare o distruggere nulla, ma solo di portare qualcosa alla manifestazione o meno, per questo non abbiamo neppure il diritto di criticare il mondo per come è o di criticare le scelte degli altri; il farlo ci farebbe subito agganciare da qualche pendolo! È importante imparare a restare il più possibile neutri rispetto a ciò che non approviamo.
  • Dare eccessiva attenzione ad una situazione significa attribuirvi troppa importanza (nulla è importante di per sé, ma solo nella misura in cui noi lo vogliamo, ognuno – infatti – reagisce soggettivamente agli eventi e alle persone). Poiché nell’Universo tutto tende all’equilibrio, dare importanza ad una situazione significa creare un cosiddetto “potenziale superfluo”. Le forze equilibratrici interverranno inevitabilmente per abbatterlo! Ad es. elogiarsi troppo finirà per farci prendere una bella botta sul naso.
  • Lo scivolare in una linea delle varianti per noi positiva richiede allineare le nostre frequenze su ciò che ci piace e che ci procura benessere. Le persone, al contrario, solitamente amano esprimere la loro insoddisfazione per ciò che non va, amano lamentarsi, ed è così che costruiscono, mattone dopo mattone, il proprio inferno personale. Se cediamo alle provocazioni esterne indotti dai pendoli rischiamo anche di finire in un “passaggio indotto”, ovvero in una corrente che funziona da vortice aspirante, dove tutti coloro che vi si sintonizzano finiscono per avere il medesimo destino (cosa che accade, ad esempio, nelle catastrofi o nelle epidemie).
  • La corrente delle varianti, il flusso della Vita, contiene già la soluzione a tutti i problemi. La mente razionale, in costante agitazione, non può che ostacolare la risoluzione di un problema, mentre se impariamo ad affidarci al flusso e a non remare controcorrente le soluzioni arriveranno da sole (concetto espresso nel detto cinese: “Se hai un nemico siediti sulla sponda di un fiume ed aspetta. Prima o poi vedrai passare il suo cadavere!”). Spesso ci guidano nella linea delle varianti che contiene la soluzione ai nostri problemi dei segni conduttori (o segni premonitori sincronicità) che possiamo cogliere nell’ambiente circostante. Sono dei segnali che ci lasciano l’impressione di un sì o di un no rispetto a delle scelte che stiamo per fare, ascoltandoli sempre di più diventerà semplice fluire nella corrente delle varianti. Per discriminare se una scelta sia un segnale intuitivo inviato dall’Anima o un ragionamento più razionale è sufficiente ricordarsi questo: se abbiamo bisogno di convincerci che una data cosa è buona, significa che per l’Anima non è buona! Ciò che percepiamo intimamente buono non ha bisogno di alcun autoconvincimento.
  • Per ottenere una corretta gestione della nostra vita dobbiamo necessariamente rinunciare al bisogno razionale di controllare gli eventi. Rinunciando al controllo otterremo, paradossalmente, un controllo sulle situazioni maggiore di prima! Possiamo “mollare la presa” nella consapevolezza che esiste il flusso delle varianti che opera per noi e che ci porta ciò che abbiamo scelto!

  • Realizzare ciò che vogliamo dalla Vita non è una questione di desiderio, ma del corretto uso dell’intenzione. Ne esistono due tipi: intenzione interna (risolutezza a fare, ad agire volitivamente, ad impegnarsi) ed intenzione esterna (risolutezza ad avere, il modo corretto per surfare sulle varianti). Con l’intenzione interna si attiva la volontà personale di raggiungere un obiettivo attraverso l’azione, l’impegno e lo sforzo; con l’intenzione esterna permettiamo che avvenga la manifestazione di una nuova linea di vita, mantenendoci sintonizzati sul risultato e sulla certezza della sua manifestazione. A questo proposito Zeland dice: “Il desiderio è la concentrazione dell’attenzione su un determinato fine (e non porta a nulla). L’intenzione interna è la concentrazione dell’attenzione sul processo del muoversi verso un fine (funziona ma è dispendiosa in termini energetici). L’intenzione esterna è la concentrazione dell’attenzione su come il fine arriva a realizzarsi da solo!”
  • L’intenzione esterna funziona in modo pressoché istantaneo nei sogni lucidi, cioè quando il sognatore è consapevole di essere in un sogno e, semplicemente focalizzandosi su un obiettivo, esso si materializza (trasformare un assalitore in un coniglio, essere in una spiaggia tropicale, ecc.). Nella realtà comune esiste una latenza ben maggiore nella manifestazione di ciò che scegliamo, ma il principio è lo stesso, ed è per questo che esercitarsi nell’onironautica (cioè nei sogni lucidi) migliora la capacità di considerare anche questa realtà una sorta di sogno plasmabile, in cui il pensiero si manifesta, inevitabilmente! Afferma Zeland: “La realtà si distingue dai sogni solo a causa dell’inerzia della realizzazione materiale nello spazio delle varianti, tutto il resto è uguale!”.
  • A causa del pericolo insito nei potenziali superflui l’intenzione deve essere pura, occorre volere ed agire senza desiderare (concetto analogo al wu wei, il “non fare” del Taoismo). Sollevare una mano per grattarsi, bere un bicchier d’acqua, andare all’edicola a comprare il giornale sono esempi di intenzioni svuotate dai potenziali superflui. L’intenzione è pura quando abbiamo ridotto l’importanza interna (attribuita a sé stessi, alla propria persona o ruolo) e l’importanza esterna (che attribuiamo agli altri e alle cose). Un metodo per ridurre l’importanza del fine desiderato è rassegnarsi alla possibile sconfitta, fin da subito.
  • L’intenzione interna si trasforma in esterna (che è la chiave di tutto il Transurfing) quando il conscio si allinea con il subconscio, quando raggiungiamo un’unità tra Anima e Ragione. Sappiamo con certezza che NON esiste un accordo tra Anima e Ragione quando, nel corso del tempo, sentiamo che la voglia di raggiungere il nostro fine si sta raffreddando e spegnendo.
  • Un fine che ci corrisponde veramente rimane nel nostro cuore e nella nostra mente nel tempo, per raggiungerlo lo strumento principale è la pratica della visualizzazione. La visualizzazione dinamica del risultato raggiunto, con noi che lo stiamo vivendo, è da Zeland chiamata una “diapositiva del fine” e serve: 1) ad allargare la sfera del nostro benessere interiore (perché quando la visualizziamo ci sintonizziamo su delle emozioni e delle sensazioni positive); 2) ad aiutarci a tracciare il cammino che ci porterà al risultato voluto, qualora non avessimo la minima idea di quale sia.
  • La visualizzazione specifica del Transurfing è però quella del processo che porta al fine, cioè della tappa immediatamente successiva a dove siamo lungo la strada (detta “catena di transfer”) che porta a vedere il fine realizzato.
  • La “freile”, secondo Zeland, è la frequenza caratteristica dell’Anima di una persona. È su questa frequenza che dobbiamo accordarci per vivere la nostra vita! Ognuno ha il proprio specifico ed unico cammino che lo porta alla felicità, per questo nel Transurfing si dice di non copiare mai gli altri perché si rischia di essere agganciati da cliché che sono soltanto i pendoli a volerci imporre.
  • Ciascuno ha il suo proprio fine nella vita e la sua propria porta per realizzarlo, imboccare le portee i fini di altri (come accade di solito, a partire dal comune tentativo di soddisfare le aspettative dei nostri genitori) porta di sicuro all’infelicità. La felicità arriva dal movimento verso il proprio fine attraverso la propria porta! Se siamo sulla nostra strada, percepiremo già adesso una sensazione di felicità e non andremo ad ipotecarla al raggiungimento del fine (“Sarò felice quando…”).
  • Un fine altrui è sempre una violenza su di noi, anche se di solito seduce proprio in virtù della sua inaccessibilità. Se tramite il raggiungimento di un fine vorreste dimostrare qualcosa a voi o agli altri, allora non è il vostro fine! La domanda che c’è da porsi è: “A cosa anela la mia Anima? Cosa trasformerà la mia vita in una festa?” Se vi sembra che la vostra Anima non desideri nulla è solo perché siete svuotati di energia e non avete la forza per ascoltarla adeguatamente.
  • Non deve essere la ragione a fare la ricerca del fine, perché non ne è in grado, solo l’Anima sa cosa la fa vibrare veramente. La ragione ha giusto il compito di filtrare tutti gli elementi che si presentano per metterli al vaglio dell’Anima e prestare attenzione al suo livello di benessere. Prima o poi arriverà qualcosa che farà letteralmente vibrare il vostro cuore e saprete che lì c’è il fine che cercavate! Non appena vi “permetterete di avere”, l’intenzione esterna manifesterà la variante giusta per voi.
  • Permettersi di avere è la condizione principale per realizzare i propri desideri. È indispensabile abituarsi all’idea che il proprio fine verrà raggiunto, perché è logico e normale che accada, rientrando perfettamente nell’ordine delle cose (almeno per chi conosce il Transurfing, per altri alcuni conseguimenti potrebbero sembrare del tutto miracolosi).
  • Come dice Zeland: “Sei alla disperata ricerca di qualcosa di speciale? Smetti di essere disperato per questo, stai per ottenerlo comunque. Faresti meglio a pensare che stai solo prendendo ciò che ti appartiene. Stai prendendolo senza chiedere o insistere”. I transurfers cercano semplicemente di consentire al mondo di esaudire i propri desideri più autentici, non lo forzano in alcun modo, piuttosto ne rispettano il naturale funzionamento. All’Universo non fa alcuna differenza manifestare una variante di vita piuttosto che un’altra; non gli importa cosa per noi è favorevole o sfavorevole.

  • Per poter praticare il Transurfing con efficacia è necessario un elevato livello di energia ed un buono stato di salute. La maggior parte delle energie psichiche sono consumate dallo stress e per ridurre lo stress sarebbe sufficiente abbattere l’importanza interna ed esterna. È utile anche abituarsi, con una certa regolarità, a passare uno sguardo lungo tutto il corpo e rilasciare le tensioni muscolari.
  • Avere un alto potenziale energetico significa che l’energia scorre liberamente e in abbondanza nei canali energetici. Personalmente ritengo che molte discipline aiutino in questo senso (Yoga, Qi Gong, Tai Chi, ginnastica dolce, tecniche di respirazione, ecc.), Zeland insegna a visualizzare un doppio flusso energetico nel nostro canale assiale centrale e ad immaginare che il flusso ascendente – originario dalla terra – emerga dalla sommità della testa come una fontana e che ilflusso discendente – originario dal cielo – fuoriesca a fontana da sotto i piedi. Entrambi gli zampilli poi si dovrebbero unire a formare una sfera energetica protettiva.
  • Un metodo proposto da Zeland per raggiungere i propri fini è quello di favorire l’intenzione interna degli altri, lasciando stare il senso del proprio valore e aumentando quello dei nostri interlocutori (ad es. interessandosi e parlando di ciò che a loro interessa). È importante, però, che questo interessamento avvenga con sincerità. Cercate di capire cosa vogliono gli altri e sosteneteli nel raggiungimento dei loro fini, rinunciate all’intenzione di ottenere e sostituitela con quella di dare… di rimando otterrete proprio quello a cui avevate rinunciato! Non criticate gli altri, bensì incoraggiateli! Zeland dice: “Fuggite come la peste i tentativi di ledere il senso del valore personale delle persone!”. Questo metodo di gestione dei rapporti è detto “Freiling” e corrisponde al sintonizzarsi sulla frequenza del proprio interlocutore.
  • Sempre allo scopo di raggiungere i propri fini esiste l’importantissimo “Principio della Coordinazione”. Per procedere attraverso il proprio esatto sentiero di vita non aiuta né l’eccessiva sicurezza di sé, né tanto meno l’insicurezza, è necessario trovare un giusto equilibrio innanzitutto rinunciando a dimostrare il proprio valore e non attribuendo a nulla un significato eccessivo (“Coordinazione dell’Importanza”). L’autentica e pacata sicurezza di sé (la “coordinazione”) nasce da un senso di autosufficienza interiore che non chiede alcuna approvazione dall’esterno,semplicemente voi sapete di ottenere tutto ciò che volete avendo studiato ed integrato i principi del Transurfing. Conoscendo tali principi siete anche in grado adesso di fare una scelta ben precisa: prendere l’abitudine, apparentemente “stupida”, di rallegrarvi degli insuccessi! Percepite, a priori, ogni cosa come positiva! (“Coordinazione dell’Intenzione”). Ogni linea della vita si sdoppia in un risultato positivo e uno negativo, lamentarci ci colloca nella diramazione negativa e rallegrarci in quella positiva. Dice Zeland: “Ogni volta che ti trovi di fronte a un determinato evento, scegli anche il modo di occupartene. Se lo tratti come un evento positivo, vai al ramo favorevole della linea della vita. Ma la tendenza a pensare negativo ti fa lamentare e scegliere il ramo sfavorevole. Nel momento in cui sei seccato e irritato, otterrai un nuovo problema. Il principio della coordinazione dell’intenzione consiste in quanto segue: se si ha intenzione di considerare positivo un evento apparentemente negativo, sarà così. Ricordati: non importa quanto possa essere difficile proprio adesso, il futuro ha una piacevole sorpresa in serbo per te, a condizione che tu continui a mantenere la coordinazione dell’intenzione.” Coordinare l’intenzione si attua lasciando andare il controllo sugli eventi ma scegliendo come rapportarsi ad essi; è il modo più efficace per spostarsi nello spazio delle varianti!
  • Non lottate contro i pendoli ma fate un vuoto dentro di voi (nessuna importanza esterna, nessuna importanza interna) che impedisca al pendolo di agganciarvisi. Ecco di seguito alcuni consigli forniti in “Avanti nel Passato”. • Come fare per non aver paura? Trovate una copertura, una variante di riserva, una via di uscita • Come fare per non agitarsi e non angosciarsi? Agire • Come fare per non desiderare? Rassegnarsi alla sconfitta ed agire • Come fare per non aspettare? Agire • Come fare per non irritarsi? Giocare col pendolo violando le regole del suo gioco • Come fare per liberarsi dal senso di colpa? Smettere di giustificarsi • Come gestire l’indignazione? Cessando la battaglia e muovendosi assecondando la corrente.
  • Secondo Zeland è possibile visualizzare il momento esatto del passaggio da una linea di vita all’altra praticando la “transazione”, che avviene in questo modo: 1) allentate le tensioni muscolari del corpo e visualizzate il flusso di energia nel canale ascendente e in quello discendente. Efficace è immaginare due lancette orizzontali contrapposte e parallele al terreno, una che sporge in avanti dal corpo di almeno trenta centimetri e l’altra che sporge posteriormente. A un certo punto vanno girate mentalmente, nello stesso tempo, l’anteriore verso l’alto e la posteriore verso il basso.Questo “giro di chiave” attiva istantaneamente il flusso delle correnti. 2) Poi è necessario visualizzare la diapositiva del fine, proiettandola nei propri pensieri per almeno un minuto o più. 3)Il terzo ed ultimo passaggio della transazione consiste nel mantenere uno sguardo chiaro e consapevole davanti a sé, senza pensare a nulla. L’esercizio è preferibile farlo passeggiando all’aperto in posti conosciuti. Ciò che potrà essere osservabile è un cambiamento delle sfumature delle decorazioni nell’ambiente circostante, qualcosa di poco netto ma comunque effettivo, ed unaffioramento di sensazioni del passato.
  • Quello che è avvenuto, secondo Zeland, è il movimento dello spazio delle varianti, il moto impercettibile della realizzazione materiale che, nel portarci verso una linea di vita sempre più ottimale per noi, in realtà ci cala in linee di vita passate (come quelle dell’infanzia) dove eravamo più gioiosi e più in sintonia con noi stessi. In quelle linee, se non avessimo deviato, avremmo trovato le nostre porte e il nostro fine; adesso ci ritorniamo, solo che siamo sintonizzati in una nuova posizione del tempo, dove non siamo più bambini, ma adulti. Ecco il senso dell’andare avanti nel passato, che dà il titolo al terzo libro della serie del Reality Transurfing.



http://www.manipurastudio.it/705/


La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

mercoledì 16 novembre 2016

GUADAGNARE CON BLANCODENT





















































per registrarsi, diventare incaricato, acquistare i prodotti Blancodent e per ulteriori informazioni
visita il sito  http://www.blancodent.net/ivanovagnotti


La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

lunedì 14 novembre 2016

8 modi per vivere una vita magica

Molte persone pensano che la magia sia solo candele e incenso. La magia invece non è solo quella, ma anche l’energia attraverso la volontà di creare, cambiare e manifestare.
Incantesimi, rituali e cerimonie sono certamente un modo per realizzare tutto questo, ma ve ne sono altri per lavorare con l’energia nel mondo intorno a noi e per aiutarci a creare il vita che vogliamo.

1. Impara ad accettare il tuo potere personale
Troppo spesso noi sottovalutiamo il nostro potere personale. Viviamo in una società che sembra rendere le persone potenti. Ma questa è solo una mera illusione. La verità è che quando arriviamo a conoscere il nostro potere personale e impariamo ad accettarci abbracciamo e ci diamo valore. Ciò significa che lo usiamo bene, siamo in grado di rendere tutto possibile.
Troppo spesso diamo via il nostro potere ad altre persone, permettendo loro di fare scelte per noi o noi rimaniamo in
angolo a guardare perché abbiamo paura di assumerci la responsabilità del nostro potere. Tutta la magia di cui hai bisogno è proprio dentro di te. Come ha detto il Buddha: Noi siamo ciò che pensiamo. Tutto ciò che noi siamo viene dai nostri pensieri. Con i nostri pensieri costruiamo il mondo.
Sappi che i tuoi pensieri hanno potere, le tue emozioni sono energia e che, quando l’energia va nel mondo, essa crea il mondo intorno a te. Quando prendi consapevolezza di questo, la tua vita cambia.

2. Impara a vivere nel presente
Quando noi stiamo vivendo nel presente diamo molto meno tempo e attenzione a cose come la paura, l’aspettativa o la delusione. Tutte queste si concentrano su quello che accadrà in futuro o su quanto è successo in passato. Quando lavoriamo sulla nostra magia abbiamo bisogno di essere nel presente. Se vogliamo vivere una vita più magica, vivere nel presente aiuta a mantenere il focus e ci impedisce di portare energie negative, emozioni e preoccupazioni nella nostra vita che alla fine buttano via le nostre intenzioni altrimenti positive.
Prenditi il tempo di respirare profondamente, medita e sii consapevole della frequenza dell’energia che si sta creando nel mondo. È ciò che determina quello che si manifesta… La magia è in tutto.

3. Impara a lasciarti andare
Quando lavoriamo con la magia, sia attraverso un rituale o semplicemente concentrandoci e consapevolizzando la nostra energia e le nostre intenzioni, dobbiamo imparare a lasciarci andare. Quando abbiamo messo la nostra attenzione e visualizziamo la cosa che vogliamo, creiamo un’energia completa delle nostre speranze e dei nostri desideri. Ora dobbiamo lasciarla andare in modo che possa essere libera di uscire fuori nel mondo e lasciar “lavorare” l’Universo. Lascia andare e la magia accadrà.

4. Sii grato
La gratitudine è la pietra angolare di tutta la magia. Dobbiamo dimostrare gratitudine per quello che abbiamo
già se vogliamo avere di più. Devi mostrare gratitudine verso gli alleati spirituali che possono collaborare con il tuo lavoro. Sappiamo anche che dal principio della Legge di Attrazione, se abbiamo gratitudine per qualcosa, con molta probabilità riceveremo dei doni dall’Universo.
Mentre lavoriamo con la nostra magia e siamo grati per ogni piccolo cambiamento e segno di movimento riceveremo premi più grandi. Se stiamo lavorando per aumentare il nostro reddito e vediamo dopo un paio di settimane che abbiamo più denaro della settimana prima, dovremmo mostrare gratitudine per quei soldi. Mentre rimaniamo concentrati sulla nostra intenzione a vivere in armonia con essa nel mondo, abbiamo il cuore pieno di gratitudine, e ci accorgiamo che le entrate aumento sempre di più, giorno dopo giono.

5. Abbi fuducia
Questo è il motto della magia: anche se non sappiamo cosa potremmo ottenere, dobbiamo avere fiducia che sarà quello di cui realmente abbiamo bisogno. Questo vuol dire essere aperti alle esperienze e alle lezioni che l’Universo porta sulla tua strada, qualunque esse siano.

6. Impara a notare segni
Nel nostro mondo, oggi, siamo così consumati nel vivere in una realtà tecnologica e veloce che molti di noi riescono solo rallentare abbastanza a lungo per collegarsi nell’etere attraverso un pc o un telefonino. Meditazione, una lezione di yoga o un ritiro stagionale se siamo fortunati. Anche per quelli di noi che fanno una pratica regolare della meditazione a volte, non usano la loro intuizione nella vita quotidiana. Quando impariamo ad affinare le nostre abilità intuitive e a vivere in un modo in cui possiamo notare i segni e i messaggi dei nostri alleati spirituali in qualsiasi momento ne abbiamo bisogno, il mondo intero si apre in una terra magica di opportunità. Questo significa imparare a calmare e schivare il tuo ego. se stai lavorando con la magia, l’Universo è li, ad inviarti segni e segnali per tutto il tempo, ma hai bisogno di aprire i tuoi occhi e il tuo cuore, per ottenere davvero il messaggio.

7. Impara a sentire la tua parte Divina
Impara a sentire e a manifestare l’immagine del Divino che è in te che si connette con quelle energie che ti possono aiutare nel tuo cammino. Siamo tutti connessi, siamo tutti energia e quando siamo profondamente collegati ad un archetipo del divino, quando possiamo vedere noi stessi nella nostra energia e “storia”, riconosciamo il nostro potere divino per creare e manifestare tutto ciò che desideriamo.

8. Prenditi cura della tua energia
Quando impari ad avere cura della tua energia, sei consapevole che è importante lavorare su noi stessi e sulla nostra energia per sapere esattamente che tipo di energia stiamo mettendo fuori nel mondo e per proteggerci dalle energie negative. In questo modo la nostra energia fluirà.
Quando i tuoi chakra sono sbilanciati, le cose nella tua vita sono spente e anche la tua salute tende a vacillare. Quando non sai come affrontare lo stress o l’ansia, soprattutto nella forma dei tuoi pensieri di paura, butti via tutto il bene che cerchi di creare nella tua vita. Impara a conoscere la tua energia, proteggila, e la tua vita cambierà radicalmente. La verità è che tu sei la più grande magia che hai mai fatto.
Sei magia, sei Divino. Vivi in con questa consapevolezza e accadranno cose incredibili!

http://it.anahera.news/vita-magica-crescita/?user=galactus


La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

domenica 13 novembre 2016

L'ARTE DELLA FIDUCIA

Se hai fiducia accadrà sempre qualcosa che aiuterà la tua crescita.
Otterrai ciò di cui hai bisogno, e lo avrai al momento giusto, mai prima.
Lo ottieni solo quando ne hai bisogno, e non c’è mai nemmeno un attimo di ritardo.
Quando ne hai bisogno, lo ottieni, immediatamente, istantaneamente!
Questa è la bellezza della fiducia.
A poco a poco impari che l’esistenza continua a provvedere per te, che l’esistenza si prende cura di te.
Non vivi in un’esistenza che è indifferente, che ti ignora.
Ti preoccupi senza motivo; hai tutto ciò che ti serve.
Quando hai imparato l’arte della fiducia, tutte le preoccupazioni scompaiono.

*Osho*

La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it